16.05, Roma >> Proiezione di Prigionieri della libertà

aprile 26, 2013

Giovedì 16 maggio a Roma alle 17,30 la proiezione del documentario di Valla.  Una storia familiare, un documentario, un romanzo: “Prigionieri della Libertà. Campo YOL, India 1941-1946”.

L’iniziativa a cura del Circolo Gianni Bosio si svolgerà a Roma presso la Casa della Memoria e della Storia in via San Francesco di Sales, 5.

Dal desiderio di mettere ordine nella corrispondenza di un padre, inviata nel corso di sei anni da prigioniero degli Inglesi in un Campo di detenzione alle pendici dell’Himalaya, nasce l’esigenza di ricostruire una storia familiare, proiettandola nel quadro di una vicenda collettiva. Dopo molti anni dalla morte di suo padre, la figlia ha deciso di incontrare un regista e uno scrittore che avevano avuto occasione di ascoltare da alcuni ex prigionieri di quel Campo il racconto della loro prigionia e delle audaci avventure vissute dopo l’8 settembre 1943; ciò aveva suscitato in loro un immediato interesse, tanto da spingerli ad intraprendere un viaggio nella regione del Kangra, fino al lontano Lago Moriri, per realizzare un film documentario su quelle storie ricche di umanità e di significato.

Insieme alle immagini, la letteratura ha contribuito a ricostruire la vicenda di un uomo che, come è accaduto per tanti e forse più dolorosi ritorni, aveva voluto dimenticare; l’esperienza della prigionia come “condizione esistenziale” si ritrova nei personaggi di un romanzo ambientato nel Campo YOL e ispirato a quei racconti di storie realmente vissute. Da tutto ciò è stato possibile ricomporre l’immagine di una figura familiare della quale alcuni aspetti erano rimasti poco compresi e quindi restituire alla memoria privata quello che non si era potuto costruire attraverso il rapporto personale. La documentazione raccolta, le interviste, gli appunti, perfino i disegni degli ex prigionieri hanno consegnato alla memoria collettiva, oltre che un pezzo di Storia, forse colpevolmente trascurata, un’avventura umana di grande valore.

L’iniziativa prevede la proiezione del film documentario “Prigionieri della libertà” (durata 55’,2004) regia di Fredo Valla, prodotto e distribuito da Pubbliviva, produzioni video cinematografiche, Torino. Per approfondimenti rimandiamo alla scheda dedicata>>

Saranno presenti:
Fredo Valla, regista, sceneggiatore, scrittore e profondo conoscitore della cultura occitana, ha realizzato numerosi documentari sul tema del rapporto tra l’uomo e il territorio in cui vive.  Nel 2008 è stato candidato al Premio David di Donatello per la migliore co-sceneggiatura per il “Il vento fa il suo giro” di Giorgio Diritti, con il quale è recentemente tornato a scrivere e a sceneggiare per il film “Un giorno devi andare”.

Carlo Grande, scrittore, sceneggiatore e giornalista. Collabora con varie testate, da D La Repubblica delle donne a Diario , “La Stampa” e L’Indice, occupandosi di cultura e ambiente, ecologia. Ha esordito con “La via dei lupi”, vincitore del premio Grinzane Civiltà della Montagna. E’ autore del romanzo “La cavalcata selvaggia” ( Ponte alle Grazie,2004, ora nei tascabili TEA,2009), ambientato nel campo di prigionia di YOL.

Coordina Fiorella Leone, figlia di uno degli ex prigionieri del Campo YOL.

CHI SONO

Amo sentire raccontare le storie. Per questo motivo sono diventato documentarista e sceneggiatore di film lungometraggi. Qualcuno ricorderà "Il vento fa il suo giro" candidato al Premio David di Donatello per la migliore sceneggiatura e "Un giorno devi andare", regia di Giorgio Diritti. Collaboro con Aranciafilm, Graffitidoc e Nefertiti Film per lo sviluppo di progetti, soggetti, sceneggiature e regie. Ho co-fondato "L'Aura", scuola di cinema di Ostana, nel villaggio di fronte al Monviso in cui vivo. Coltivo l’orto a 1350 metri di quota; raccolgo cavoli, zucchine, porri, insalata, bietole, carote. Zucchine, soprattutto.

Iscriviti alla Newsletter