Su Dislivelli di novembre si parla di ‘Corpi in bilico’

novembre 3, 2013

Sul numero di novembre 2013 della rivista Dislivelli.eu si parla del nostro film-documentario

Corpi in bilico, il documentario del vero ideato a Ostana

I filmmaker che hanno vissuto per più di un mese ai 1250 metri di quota di Ostana partecipando al “Documentario del vero”, il primo corso della Scuola di Cinema nata in alta Valle Po da un’idea di Giorgio Diritti e Fredo Valla, hanno realizzato Corpi in bilico, un documentario sul lavoro/non lavoro giovanile in Italia.

di Daria Rabbia

Si intitola Corpi in bilico il documentario realizzato dai sedici filmmaker che negli scorsi mesi hanno invaso Ostana armati di macchine da presa e passione per il cinema. Hanno tra i 23 e i 40 anni e sono arrivati da ogni parte d’Italia nel piccolo comune della provincia di Cuneo posto a 1250 metri di altitudine per partecipare alla Scuola di Cinema ideata da Giorgio Diritti e Fredo Valla in collaborazione con OffiCine Milano 8 e Aranciafilm Bologna. Accompagnati attraverso i luoghi che hanno ispirato il soggetto de Il vento fa il suo giro, sono stati per più di un mese in ritiro ai piedi del Monviso. Partiti da un tema, i giovani e il lavoro, con l’aiuto di alcuni ospiti d’eccezione (tra gli altri Concita De Gregorio e Carlin Petrini) hanno cercato “storie del vero” da raccontare attraverso volti, emozioni e paesaggi e li hanno elaborati in forma di soggetti cinematografici.

Nei mesi successivi, suddivisi in piccole troupe hanno girato il paese per raccontare attraverso le immagini le sei storie che fanno di Corpi in bilico, un’opera corale sul lavoro/non lavoro giovanile in Italia. Narrazioni che, pur descrivendo esperienze di vita molto diverse tra loro, riportano le risposte trovate da dieci giovani a uno “schema” ormai fallito, quello del posto stabile e dello stipendio assicurato, sostituito con creatività e dignità. Si parte dalla riscossa occitana di <strong>Enrico e Piero che si sono avventurati nella produzione del pastis, per poi scendere in Lombardia dove incontriamo Kristina che, attraversati i Balcani, percorre l’intera provincia tra un lavoro e l’altro per inseguire il suo sogno di musicista; infine si arriva nel Cilento, terra del ritorno per tre giovani che, una volta ottenuta la laurea, si associano a una cooperativa agricola e iniziano una nuova vita rurale. Il trailer del documentario, presentato in versione integrale lo scorso 14 ottobre a Milano, è disponibile su YouTube all’indirizzo

Daria Rabbia

articolo tratto da Dislivelli.eu, novembre 2013

CHI SONO

Amo sentire raccontare le storie. Per questo motivo sono diventato documentarista e sceneggiatore di film lungometraggi. Qualcuno ricorderà "Il vento fa il suo giro" candidato al Premio David di Donatello per la migliore sceneggiatura e "Un giorno devi andare", regia di Giorgio Diritti. Collaboro con Aranciafilm, Graffitidoc e Nefertiti Film per lo sviluppo di progetti, soggetti, sceneggiature e regie. Ho co-fondato "L'Aura", scuola di cinema di Ostana, nel villaggio di fronte al Monviso in cui vivo. Coltivo l’orto a 1350 metri di quota; raccolgo cavoli, zucchine, porri, insalata, bietole, carote. Zucchine, soprattutto.

Iscriviti alla Newsletter