Il 18 aprile a Saluzzo per “Fotogrammi di Storia”

marzo 30, 2013

Giovedì 18 aprile la proiezione di “Prigionieri della libertà” di Fredo Valla. Interviene Carlo Grande. 

Una rassegna di video per raccontare e riflettere. È “Fotogrammi di Storia” che, patrocinata dal Comune di Saluzzo e dall’Anpi, è proposta nell’ambito del programma “Aprile 2013” per le celebrazioni della Resistenza. Quattro serate, tutte con ingresso gratuito, che si terranno nel salone dell’Antico Palazzo Comunale, in Salita al Castello, con inizio alle 21.

Ad aprire il calendario, giovedì 4 aprile, sarà “Facce di guerra” testimonianze dai fronti “caldi” del mondo (Iraq, Afghanistan, Kossovo…) di Guido Cravero, inviato speciale della Rai, più volte premiato. Originario della provincia di Cuneo, Cravero ha girato praticamente tutto il mondo con la telecamera per raccontare realtà difficili, di guerra, di mancanza di libertà, di povertà. Ma anche di scienza e di cultura, magari nascoste in una capanna nella savana. Fa parte del nucleo di reporter della Rai specializzati in situazioni internazionali di crisi, inviati nelle zone più difficili, “roventi”. Il 20 marzo del 2003, ad esempio, ha ripreso in esclusiva mondiale, con il collega Enrico Bellano, il primo bombardamento americano su Bagdad, capitale dell’Iraq dov’è rimasto molti mesi per raccontare la parabola di Saddam.

[Cliccando sull'immagine locandina stampabile in .pdf]

[Cliccando sull’immagine locandina stampabile in .pdf]

Attraverso il suo obiettivo e la sua sensibilità ha inoltre raccontato storie di donne africane, i villaggi dei profughi tra Zimbabwe e Sudafrica, le dimostrazioni di piazza ad Atene (dov’è stato ferito) per la crisi economica, le guerre dei Balcani, dell’Afghanistan… sempre con rigore giornalistico e attenzione all’umanità.

Cravero presenterà frammenti del suo lavoro di testimone attraverso le immagini che ha ripreso in giro per il mondo che confermano, se ce ne fosse ancora il bisogno, come le guerre non siano mai giuste, che le bombe non siano mai intelligenti, e, soprattutto, che le vittime siano sempre gli innocenti: bambini, donne, anziani… Dimostrando come gli uomini siano uguali ovunque.

A presentare Guido Cravero sarà Battista Gardoncini, giornalista della Rai, caporedattore di “Leonardo”, l’unico telegiornale quotidiano che si occupa di scienza, e di “Montagne” originale settimanale televisivo dedicato alle terre alte.

La rassegna “Fotogrammi di storia” proseguirà con altre tre proiezioni di film (tutti premiati in festival e rassegne) di registi cuneesi: giovedì 11 aprileInnamorate della libertà”, storie di donne nella Resistenza, di Remo Schellino e Erika Peirano con l’intervento di Paola Sibille dell’Anpi. Giovedì 18 aprilePrigionieri della libertà”, l’avventura degli ufficiali italiani prigionieri degli inglesi in Himalaya, di Fredo Valla con l’intervento dello scrittore Carlo Grande. Martedì 23 aprileIl sottoscritto”, storia di un uomo libero, di Sandro Gastinelli e Marzia Pellegrino con l’intervento di don Aldo Benevelli, protagonista del film che è prodotto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.

 

CHI SONO

Amo sentire raccontare le storie. Per questo motivo sono diventato documentarista e sceneggiatore di film lungometraggi. Qualcuno ricorderà "Il vento fa il suo giro" candidato al Premio David di Donatello per la migliore sceneggiatura e "Un giorno devi andare", regia di Giorgio Diritti. Collaboro con Aranciafilm, Graffitidoc e Nefertiti Film per lo sviluppo di progetti, soggetti, sceneggiature e regie. Ho co-fondato "L'Aura", scuola di cinema di Ostana, nel villaggio di fronte al Monviso in cui vivo. Coltivo l’orto a 1350 metri di quota; raccolgo cavoli, zucchine, porri, insalata, bietole, carote. Zucchine, soprattutto.

Iscriviti alla Newsletter