Domenica 8 Luglio “Cjavelars pelassiers”

giugno 24, 2012

Il Roccolo della Letteratura e della Musica: dall’8 luglio al 5 agosto ospiterà ogni domenica un ciclo di incontri nel parco

Nella bella cornice del Parco del Roccolo dall’8 luglio al 5 agosto, tutte le domeniche dalle ore 17 fino a tarda serata l’Associazione Marcovaldo, in collaborazione con la Chambra d’oc, organizza un serie di incontri con scrittori ai quali sarà dedicata una serata a tema musicale.

Nel segno della “convivència”(parola trobadorica che significa l’arte di vivere insieme in armonia), in omaggio ai trovatori che poetavano nel castello ormai diroccato all’imbocco della strada Busca-Dronero, sarà il Castello del Roccolo a rilevarne l’eredità spirituale.

Castello edificato a partire dal 1831, per volere del Marchese Roberto Tapparelli d’Azeglio, fratello del più celebre Massimo, ancora oggi uno dei più suggestivi in Piemonte grazie alla presenza di laghi, grotte, fontane, serre monumentali e percorsi panoramici.

Il ciclo di incontri dedicato alla letteratura e alla musica inizierà domenica 8 luglio, alle ore 17, con una conversazione tra Valter Giuliano e Sergio Chiamparino.

Vivalda Editori ha inaugurato da poco una nuova collana titolata “Sempre più in alto” dedicata a personaggi conosciuti che raccontano il loro amore per la montagna. Come è nato, come lo hanno coltivato, cosa gli ha dato di intimo come visione della vita e forza etica.

Il ciclo di incontri inizia dunque con Sergio Chiamparino, l’ex sindaco di Torino, tra i più amati primi cittadini d’Italia, che oltre alla politica e la squadra del Toro ha un’altra grande passione: la montagna, l’alpinismo, l’arrampicata. Nella testimoniaza resa al direttore di ALP Valter Giuliano nel libro “Cordata con Sindaco” ne racconta le origini e illustra le sue principali esperienze di arrampicata e le numerose salite in vetta. Ma svolge anche riflessioni più generali tra cui quelle sulla magica esperienza delle Olimpiadi invernali del 2006 e sul futuro delle Alpi di cui Torino rappresenta una delle capitali economiche e culturali.

Ad ogni personaggio presentato segue un aperi-cena con prodotti delle valli occitane curato dalla Chambra d’oc ed un momento culturale o musicale. La prima serata del ciclo li prevede tutti e due. Aspettando il buio Luca Pellegrino eseguirà un programma di musica occitana d’ambiente al suono della ghironda e leggerà alcuni versi composti da trovatori tratti dal libro di Giorgio BeltrittiStoria di Busca” dal capitolo VII “I marchesi di Busca nella poesia occitanica” proprio per collegare spiritualmente il glorioso passato della lingua d’oc al programma contemporaneo che ne contiene al suo interno delle forti risonanze.

Sceso il buio il registo Fredo Valla presenterà “In prima” il film documentario da lui realizzato in collaborazione con Nereo ZeperCjavelârs e Pelassiers” la straordinaria avventura dei raccoglitori di capelli di Elva in Friuli, storia di un’emigrazione con preziose testimonianze raccolte in due lingue: minoritarie l’occitano e il friulano.

Il programma prosegue Domenica 15 luglio con un incontro con Maria Soresina sul tema “Il Flauto magico di Mozart: la via massonica alla felicità” , a cui seguirà il concerto “Mozart: il flauto magico e dintorni” con il duo flauto e chitarra Mira Contu e Susanna Signorini.

Domenica 22 luglio ritornerà Valter Giuliano con la presentazione del secondo volume della collana “Sempre più in alto” con una conversazione con Evelina Christillin che prende spunto dal libro “Olimpico sorriso”. Di origine walser, è anche grazie al suo impegno se alle Olimpiadi Invernali – Torino 2006 nella cerimonia di apertura dei Giochi abbiamo potuto ascoltare l’inno Se Chanta, Il tema musicale della serata a lei dedicato è veramente appropriato “12 canti per 12 lingue esguito da Dario Anghilante, Luca Pellegrino, Flavio Giacchero e Marzia Rey ci porta a conoscere i canti rappresentativi delle 12 lingue “diverse dall’italiano” riconosciute dalla legge 482-99.

Le domeniche 29 luglio e 5 agosto abbiamo ancora con noi Maria Soresina, alla cui produzione letteraria si è voluto dare quest’anno particolare rilievo perchè è l’autrice che più a scritto per nobilitare e riportare in attualità i temi del catarismo e della poesia trobadorica.

L’incontro del 29 luglio avrà come tema “Lingua occitana e catarismo nella Commedia di Dante”, mentre il 5 agosto chiuderà il ciclo di incontri con una conversazione dal tema “Simboli e spiritualità indiana nella Commedia di Dante” al quale seguirà una proposta di serata artistica a tema con il “Trio Dunia”in “India e dintorni” con Arup Kanti Das (voce, tabla e percussioni), Denis Stern (chitarra); Lucrezia Maniscotti (danza e interpretazione).

Programma completo su: www.marcovaldo.it | www.chambradoc.it

 

CHI SONO

Amo sentire raccontare le storie. Per questo motivo sono diventato documentarista e sceneggiatore di film lungometraggi. Qualcuno ricorderà "Il vento fa il suo giro" candidato al Premio David di Donatello per la migliore sceneggiatura e "Un giorno devi andare", regia di Giorgio Diritti. Collaboro con Aranciafilm, Graffitidoc e Nefertiti Film per lo sviluppo di progetti, soggetti, sceneggiature e regie. Ho co-fondato "L'Aura", scuola di cinema di Ostana, nel villaggio di fronte al Monviso in cui vivo. Coltivo l’orto a 1350 metri di quota; raccolgo cavoli, zucchine, porri, insalata, bietole, carote. Zucchine, soprattutto.

Iscriviti alla Newsletter