Lavori in corso | Disobbedienti alla guerra

Disobbedienti alla Guerra
Disertori, ammutinamenti, rivolte, fucilazione sommarie nel primo conflitto mondiale

 

film documentario
regia di Fredo Valla
Una produzione Nefertiti Film

Dal telegramma del generale Luigi Cadorna, 1° novembre 1916: “… ricordo che non vi è altro mezzo idoneo a reprimere il reato collettivo che quello dell’immediata fucilazione dei maggiori responsabili e allorché l’accertamento personale dei responsabili non è possibile rimane il dovere e il diritto dei comandanti di estrarre a sorte tra gli indiziati alcuni militari e di punirli con la morte…”.

La giustizia di guerra nel primo conflitto mondiale è un tema spesso sottovalutato nelle sue dimensioni e nella sua crudeltà. L’Italia, in particolare, detiene il triste primato per la ferocia con cui punì i suoi soldati: i tanti che disertarono, coloro che si ribellarono alla trincea, agli assalti suicidi imposti dai comandi, o semplicemente mostrarono un insufficiente “spirito patriottico” per una causa che non sentivano propria.

In Italia, dal 1915 al 1918, 1 soldato su 14 subisce un processo penale, 1 su 24 viene processato per diserzione.

È questo il tema che il film documentario “Disobbedienti alla guerra” vuole portare alla luce: le carneficine delle esecuzioni sommarie, le decimazioni, l’abnormità delle punizioni.  In questo tempo di celebrazioni della Grande Guerra, questo film si propone di raccontare storie di uomini che furono contro.

Rassegna

 

CHI SONO

Amo sentire raccontare le storie. Per questo motivo sono diventato documentarista e sceneggiatore di film lungometraggi. Qualcuno ricorderà "Il vento fa il suo giro" candidato al Premio David di Donatello per la migliore sceneggiatura e "Un giorno devi andare", regia di Giorgio Diritti. Collaboro con Aranciafilm, Graffitidoc e Nefertiti Film per lo sviluppo di progetti, soggetti, sceneggiature e regie. Ho co-fondato "L'Aura", scuola di cinema di Ostana, nel villaggio di fronte al Monviso in cui vivo. Coltivo l’orto a 1350 metri di quota; raccolgo cavoli, zucchine, porri, insalata, bietole, carote. Zucchine, soprattutto.

Iscriviti alla Newsletter